LE COSE CHE SCRIVO IN QUESTO BLOG SONO FRUTTO DELLA MIA FANTASIA (BACATA).
QUALSIASI RIFERIMENTO A PERSONE O FATTI REALMENTE ESISTENTI E' CAUSALE.

lunedì 30 marzo 2009

Ma perchè troia?


Ma perchè si usa la parola "troia" quando si deve indicare una meretrice?

Pensate che bello dire "meretrice", invece di troia.

Tanto per iniziare, lo direbbero in meno, perchè è troppo lungo e con troppe erre. Una, di erre, basta e avanza!

Ma soprattutto, non capisco l'abbinamento tra l'epiteto e la città.

Nella città c'era Elena di Troia, ma lei non mi pareva adatta all'epiteto, tanto più che si è sposata Paride, che l'ha pure rapita, e gli è stata fedele lo stesso fino alla sua morte. Poi si è consolata con il fratello Deìfobo, ma non mi pare un comportamento così "troioso", considerato anche lo shock del rapimento e della bruciatura della sua città.

Per quanto riguarda il cavallo di Troia, è una bella trovata, sicuramente dannosa per un po' di gente, un bel po', ma tutto sommato non mi pare che il termine "troia" derivi da lì. Non mi risulta che chiamando qualcuna "troia" le si dia della scaltra e ingegnosa sanguinaria.

Poi, mi è venuto in mente che, scusate la scurrilità, si dice anche "porca troia". In realtà, facendo riferimento all'etimologia latina, dire "porca troia" corrisponde al dire "porca porca". La seconda porca, poi, è pure incinta, facendo pensare che ci sia ancora la possibilità di equiparare l'esclamazione a una frase del tipo: "porca porca [con] porcellino".

Insomma, tre suini in una parola sola sono in effetti qualcosa di forte.

Almeno chili e chili di prosciutti e salamini.

Chi la usa deve avere la vocazione del salumiere.

Del resto, si sa che qui in Italia siamo

14 commenti:

  1. Forse si usa perchè son belli i derivati della parola:
    Truiun
    Troiazza
    Troio (al maschile)
    Troietta

    chi ne sa altri?
    PFM

    RispondiElimina
  2. Non ne so altri.
    Sono mica così scurrile!

    RispondiElimina
  3. troia = femmina del maiale

    RispondiElimina
  4. NicoPffgen6/4/11 21:24

    "Troia,ae" in latino significa "scrofa"

    RispondiElimina
  5. Un'etimologia antica faceva risalire la parola Troia al "porcus troianus", la porchetta farcita: come il cavallo di troia era ripieno di uomini, così il "porco troiano" era ripieno di ghiottonerie. Poiché un porco ripieno richiama l'idea dell'essere incinto, ecco spiegato il termine "Troia" per indicare la scrofa gravida. Per metafora, la parola ha indicato la donna che fa tanto sesso, così come il termine "porco" indica un uomo lussurioso e sporcaccione.
    Tuttavia questa etimologia pare superata. Si crede che la parola "troia" derivi da un lemma celtico, che già significava la femmina del suino, termine collegato al significato di "sporco, sudicio".

    Ultima chiosa: "porca" in italiano indica anche la zolla smossa. Per questo forse si preferì il termine "Troia".

    RispondiElimina
  6. Very rapidly this web site will be famous amid all blogging people, due to it's fastidious articles

    Feel free to visit my web page; dentaloralgn9.bravesites.com

    RispondiElimina
  7. Ehm... Che dire...

    RispondiElimina
  8. Ci ho pensato molto anche io, trovo che il riferimento piu sensato sia quello del cavallo di Troia: che aveva un sacco di gente dentro

    RispondiElimina
  9. ...questa sfumatura non l'avevo colta...effettivamente erano tutti uomini...

    Dalle fonti classiche ci sono giunte numerose varianti circa il numero di uomini che presero parte all'inganno del cavallo di Troia nascondendovisi dentro. Secondo la Piccola Iliade, antico poema andato perduto, essi erano 13, secondo Apollodoro 50[3], per Tzetze 23, mentre nei Posthomerica (versi 641-650) Quinto Smirneo dà il nome di 30 capi, affermando però che ve ne erano anche molti altri[4]. Nella tarda tradizione si stabilirono i seguenti 35 uomini:

    Odisseo
    Acamante
    Agapenore
    Aiace Oileo
    Anfimaco
    Anticlo
    Antifate
    Cianippo
    Demofonte (figlio di Teseo)
    Diomede
    Echione
    Epeo
    Eumelo di Fere
    Eurialo (argonauta)
    Eurimaco
    Euripilo (figlio di Evemone)
    Filottete
    Ialmeno
    Idomeneo
    Leonteo
    Macaone (mitologia)
    Mege
    Menelao
    Menesteo
    Merione
    Neottolemo
    Peneleo
    Podalirio
    Polipete
    Stenelo (figlio di Capaneo)
    Talpio
    Tersandro
    Teucro (figlio di Telamone)
    Toante
    Trasimede

    RispondiElimina
  10. Cogito ergo sum

    RispondiElimina
  11. ... semplicemente potrebbe essere verosimile che l'odio acheo, il loro profondo disprezzo verso una città sia arrivato fino ai giorni nostri???

    RispondiElimina
  12. L'odio arriva sempre lontano. Purtroppo

    RispondiElimina