LE COSE CHE SCRIVO IN QUESTO BLOG SONO FRUTTO DELLA MIA FANTASIA (BACATA).
QUALSIASI RIFERIMENTO A PERSONE O FATTI REALMENTE ESISTENTI E' CAUSALE.

domenica 9 luglio 2017

Fortuna sicura

Ero lì in piedi in mezzo alla movida, quando mi si è avvicinato un tizio che conoscevo. Era accompagnato da un altro tizio che si è presentato con nome e cognome, e questo tizio aveva un non so che di noto. Poi mi è venuto in mente che assomigliava ad Ascanio Celestini, che non è che mi sia proprio familiare, ma comunque l'ho già ripetutamente visto durante i suoi spettacoli.

Il tizio, per la somiglianza fisica a Celestini, mi ha incuriosita, e forse anche io ho incuriosito lui perché avevo un atteggiamento da fan, infatti mi ha anche detto di cercare il suo nome e cognome su youtube, dove c'era solo un video in cui stonava una canzone da balera in una balera.

Il tizio aveva appesa al collo quella che sembrava una pietra a forma di 1.
Ha notato che la guardavo e ha attaccato a dire che quella era la sua pietra feticcio, che l'aveva trovata in una spiaggia in Liguria e l'aveva subito colpito, e infatti era andato a casa e l'aveva pesata, e il peso indovina un po' quanto era?
Avevo sollevato il pendente, che sembrava leggerissimo, avevo azzardato un 3,33333 grammi, e lui mi aveva detto, sì, certamente, 33,33333 grammi, pazzesco, era destino che io la trovassi, era destino che mi cambiasse la vita.
Ma che strano, a me sembra molto più leggera, avevo constatato.
Beh, me certo, vorrai mica che vada in giro con qualcosa di così prezioso appeso al collo?! Ho fatto un calco in gesso.
Ah, beh, allora soppesarla era del tutto inutile, avevo pensato.
Mamma mia, e l'originale? avevo chiesto.
Lui si era scaldato tutto, aveva iniziato a raccontare del suo giro per banche alla ricerca di una cassetta di sicurezza che meritasse.
Mi è venuto spontaneo chiedere cosa fosse mai successo dal ritrovamento della pietra in poi.
Lui aveva risposto che all'inizio niente di particolare, dopo un po' una cosa bellissima che poi era diventata brutta.
Insomma, un po' come succede spesso nella vita, no?
E allora a che serve il monile?
Lui è diventato perplesso.
Ha detto che magari non aveva funzionato perché l'originale era in cassetta di sicurezza.
Ma mai e poi mai avrebbe corso il rischio di tenerlo appeso al collo ed esporlo a possibili furti.
Meglio tenere la fortuna in cassetta di sicurezza, ben lontana da occhi indiscreti.

8 commenti:

  1. In che mondo viviamo!conosco un tizio che tiene l'auto in garage e va coi mezzi quando piove per non rischiare con la grandine. Dice che il tempo non è più quello di una volta. Marta

    RispondiElimina
  2. Se é per questo c'è anche gente che tiene milioni di euro in banca e fa l'elemosina. Ma il portafortuna in cassetta di sicurezza secondo me ha una marcia in più

    RispondiElimina
  3. CHIEDE, non FA l'elemosina. Se la facesse, avrebbe un po' meno soldi in banca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É vero, che mancanza di proprietà di linguaggio... In quel caso in effetti il ragionamento non farebbe una grinza!

      Elimina
  4. beh, chissà il tipo che bilancia aveva a casa per pesare proprio i 33,33333 grammi con ben 5 decimali dopo la virgola ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di bilanciato, effettivamente, mi sa che aveva ben poco... :D

      Elimina
  5. Sembra un personaggio abbastanza assurdo. Ma esiste veramente ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come tutte le cose del mio blog

      Elimina