LE COSE CHE SCRIVO IN QUESTO BLOG SONO FRUTTO DELLA MIA FANTASIA (BACATA).
QUALSIASI RIFERIMENTO A PERSONE O FATTI REALMENTE ESISTENTI E' CAUSALE.

mercoledì 29 febbraio 2012

Rimbalzi virali

Questo è periodo di influenze.
Lo è già da un po', ma le prime settimane di febbraio hanno rilevato un picco di contaminazioni.
Ora le contaminazioni sono in discesa, e chi è scampato indenne agli scorsi venti giorni può iniziare a sperare di averla fatta franca.

Ma veniamo a chi non l'ha fatta franca per nulla, e ci è caduto come una pera cotta (più cotta che pera).

Prima cosa, le influenze sono due:
  • quella che chiameremo "vera", che interessa l'area polmonare, e che si manifesta con raffreddore, mal di gola, tosse, e rincoglionimento generale più temperature al di sopra della media (del tipo: se mi appoggio un uovo fresco di frigo sugli occhi per trovare refrigerio, poi posso farmi l'insalatina con l'uovo sodo).
  • quella intestinale, che interessa appunto l'intestino, con conseguenti nausea, conseguenze della nausea, mal di pancia e conseguenze del mal di pancia, più i sintomi di cui sopra da "e rincoglionimento" a "sodo)."
Se uno prende qualsivoglia influenza, è spacciato.
Inizia a cuocersi le uova sode sugli occhi.
Se però ha l'intestinale, poi le uova non le mangia e solo a vederle si sente male. Se le mette sugli occhi, quindi, deve tenerli ben chiusi. E avere dei vicini di casa ghiotti di uova.

Se uno prende qualsivoglia influenza, sta così male che non può stare senza medicinali. 

Se l'influenza è intestinale, prenderà antivomito, antidiarrea, antinausea, antiacidità e, ovviamente, medicine per abbassare la febbre e tornare a fare le uova sode nel pentolino (e magari, prima o poi, mangiarle pure). Aprendo i bugiardini dei suddetti medicinali, leggerà: "Il medicinale può causare vomito, diarrea, nausea, acidità". Ma come, sto prendendo un medicinale per contrastare tutto sto popò di roba nel vero senso della parola, e mi avvertono che può favorirlo invece che farlo passare?
E qui uno inizia a sentirsi un po' scemo.
Ma non fino al punto supposto dalle case farmaceutiche, che ora si sono attrezzate con i bugiardini "For dummies" ( che vorrebbe dire per gli incapaci, che vorrebbe dire per voi). Ti dicono le cose in tre modi diversi, partendo da disturbi gastrici per arrivare a male al pancino, in modo che possano capirli anche i bambini e voi possiate sentirvi più scemi ancora di quando vi chiedevate perchè prendere un medicinale che provoca il malessere che dovrebbe contrastare.
In ogni caso, se avete l'influenza intestinale e prendete un medicinale per guarirla, tra gli effetti collaterali ci saranno cose come mal di gola, asma, e sintomi vari dell'influenza "vera".
Dopo pochi giorni, infatti, appena guariti dall'influenza intestinale, vi prenderete quella "vera", lanciata dagli effetti collaterali dei medicinali per quella intestinale.
Al che inizierete a prendere i medicinali per quest'ultimo malanno: per esempio i fludificanti.
Ecco la foto di un particolare del bugiardino di un fuidificante che potreste prendere per risolvere l'annoso problema del catarro che avrete conficcato in ogni orifizio immaginabile e inimmaginabile del vostro corpo:
 Ma...allora...se prendete questo medicinale non è che vi torneranno i disturbi intestinali della prima influenza?
Ma certo! Vi capiterà soprattutto quello come effetto indesiderato!

Insomma, passerete il vostro tempo a rimbalzare da un'influenza all'altra fino a primavera.

A primavera, poi, inizieranno le allergie ai pollini.

4 commenti:

  1. A ben vedere questa è una tecnica geniale per continuare a vendere il proprio medicinale all'infinito... non si smette mai di imparare

    RispondiElimina
  2. Non sapevo lavorassi per una ditta farmaceutica!

    RispondiElimina
  3. ...dura la vita di voi ipocondriaci! ...se curi l'influenza coi medicinali giusti ti passa in 5gg... se invece rimani a casa e non prendi alcun medicinale, l'influenza ti passa in 5gg!

    RispondiElimina