LE COSE CHE SCRIVO IN QUESTO BLOG SONO FRUTTO DELLA MIA FANTASIA (BACATA).
QUALSIASI RIFERIMENTO A PERSONE O FATTI REALMENTE ESISTENTI E' CAUSALE.

lunedì 10 ottobre 2011

Pedoni


I pedoni sono pittoreschi, perchè pare che contravvengano a una delle leggi naturali dell'uomo. Eppure sono uomini anche loro. Anzi, anche noi, dato che prima o poi siamo tutti pedoni.
La legge naturale a cui contravvangono (o contravveniamo, ma per comodità mi esprimerò sempre alla terza persona plurale) è quella della sopravvivenza della specie.
Si possono individuare varie categorie, intersecabili tra loro anche in un solo individuo:
  • il pedone esitante. E' presente anche nei manuali di scuola guida, tale e tanta è la sua pericolosità. Tu ti avvicini a lui, in bici o moto o macchina, e lui sta ferma sul ciglio della strada. Non appena la tua vicinanza è tale da diventare ingestibile in termini di frenata, mette il piedino sulla tua traiettoria. Tu inchiodi, causando un tamponamento a catena, per accorgerti che in realtà scherzava, che il piedino era un test, una cartina tornasole tipo quando uno va in piscina e immerge l'alluce in acqua per controllarne la temperatura e poi ritrarsi inorridito.
  • Il pedone-nuca. La categoria in oggetto è perniciosissima seppur non esista sui manuali di scuola guida. Probabilmente nelle future edizioni sarà introdotta. Di questo tipo di pedone non si vedrà mai la faccia. Sarà invariabilmente girata in direzione ostinatamente cotraria a quella naturale. E poi ci si chiede perchè in Inghilterra scrivano sull'asfalto "Look right". Perchè conoscono bene i loro pedoni-nuca. Qui mica c'è scritto "Guarda a sinistra", e i pedoni italiani guardano sempre a destra. Forse perchè si sentono inglesi, o forse per qualche altra insondabile ragione. In ogni caso, oltre che guardare a destra, attraversano la strada come se non esistesse alcun mezzo pericoloso in transito. Arrivano da luoghi nascosti, tipo muri, portici, portoni, e si buttano in strada con passo deciso. Volgendoti la nuca, appunto. La cosa peggiore è che sono talmente tanti da avere l'impressione, quando si è alla guida di un mezzo, di essere in un videogioco. La differenza è che se se ne stira uno non si hanno altre vite per il pedone, e ci si rovina abbastanza la propria.
  • Il pedone lento. Ci sono pedoni martoriati dalla guerra, senza gambe con il girello, o vecchissimi, ma anche gente normalissima, magari incollata al cellulare, o all'Ipod, o all'Ipad, che attraversano la strada mettendo un piede dietro l'altro ogni 30 secondi. Considerata una misura di scarpe media del 40, corrispondente a circa 25 cm e una falcata media di 40 cmq, ogni 30 secondi costoro percorrono in media 65 cm. Per attraversare 4 m di strada impiegano 6 minuti. Chi guida magari ha fretta, magari quei 6 minuti vogliono dire la salvezza o la dannazione in quella giornata, ma loro se ne fregano. Terribile quando si verifica intersezione con una o due delle categorie su elencate.
Esaurirei qui la categorizzazione, anche se ne esistono molte altre, tipo i pedoni che trasportano vetri molto trasparenti in due, quelli che hanno oggetti contundenti tipo canne e si girano all'ultimo infrapponendo la canna di traverso lungo la traiettoria del mezzo in arrivo, quelli che zigzagano senza meta e i terrificanti bambini piccoli, privi di traiettoria e dotati di movenze scattose pericolosissime in quanto nemmeno loro hanno due vite e tu, se ne prendi uno, non ne avrai più neppure una.

Se ve ne vengono in mente altre, sarò felice di leggerle nei commenti.

2 commenti:

  1. ....Bellissimo post ...complimenti !!!

    Niente da aggiungere ...

    Ma che dire invece degli automobilisti o motociclisti ...che nn si fermano nemmeno di fronte all'evidenza???!!! Tenatano fino all'ultimo di evitare la frenata e se proprio devono si giocano l'ultima carta ... TI SCHIVANO calcolando la tua velocità di progressione sulle striscie al centimentro... roba che se stranutisci venendo meno al tuo algoritmo matematico di inerzia fisica ... ti centrano !!!

    I LOVE K1

    RispondiElimina
  2. Infatti stavo riflettendo sull'opportunità di scriverne uno anche su questo fewnomeno. :D

    RispondiElimina