LE COSE CHE SCRIVO IN QUESTO BLOG SONO FRUTTO DELLA MIA FANTASIA (BACATA).
QUALSIASI RIFERIMENTO A PERSONE O FATTI REALMENTE ESISTENTI E' CAUSALE.

martedì 19 giugno 2007

Traiettorie


Guidavo tutta trulla dietro ad un cassone(tto) nero lucido grandioso, un fuoristrada che invece di starne fuori, dalla strada, troneggiava ben in mezzo, oscurandomi tutta la visuale.

Ad un certo punto, senza segnalarlo in nessun modo, il bestio ha scartato qualche cosa sulla destra. Quel qualche cosa era una signora con un gonnellone a fiori, proveniente da una bucolica stradina di campagna sulla sua graziella con cestino rosa. Quel qualche cosa ha deciso che dietro il malloppone su ruote non poteva esserci niente e nessuno, quindi ha proseguito la sua traiettoria fin quasi ad atterrare sul cofano della mia macchina.

Già, perchè ognuno, qui, ha la sua traiettoria.

Vai a Napoli, attraversi la strada, e devi stare bene attento a mantenere la velocità costante, perchè quello che arriva in macchina ha già calcolato tutto. Tua velocità, umidità dell'aria, direzione del vento, attrito dell'asfalto. Tutto per poterti schivare senza rallentare. Se cambi traiettoria, senso, velocità sei schiacciato.

Il fatto è che dovendo tutti seguire i propri piani, si trovano in mezzo gli altri ad intralciare. Allora, o schivi o schiacci.

Schivi il forte, schiacci il debole.

Chi si ferma è perduto.

1 commento:

  1. Schiaccia il forte e il debole se ci riesci

    RispondiElimina