LE COSE CHE SCRIVO IN QUESTO BLOG SONO FRUTTO DELLA MIA FANTASIA (BACATA).
QUALSIASI RIFERIMENTO A PERSONE O FATTI REALMENTE ESISTENTI E' CAUSALE.

mercoledì 21 novembre 2012

Un post di paura

 ATTENZIONE: 
QUESTO E' UN POST DI PAURA.
SCONSIGLIO LA LETTURA AI MINORI DI 14 ANNI. 

L'immagine ha il puro scopo di terrorizzare il lettore.



Una fobia è una roba seria.

Avere una fobia non è come avere una paura
Se si ha una paura, la si riesce ad affrontare, e spesso questa è fondata.
Se si ha una fobia, è difficilissimo superarla, e spesso si tratta del terrore paralizzante per qualcosa che non rappresenta un vero o serio pericolo, o che, perlomeno, non ne rappresenta uno così serio come sembra al fobico.

Una di quelle più belle che ho letto è la fobia che le ginocchia si pieghino al contrario.
La vita è già complicata, con il timore che le ginocchia si pieghino al contrario diventa un incubo.  

Poi ci sono fobie meno strane, più comuni, tipo quella per i ragni, l'aracnofobia, che colpisce il fobico anche quando vede un miniragnetto domestico che, a sua volta, appena lo vede, si prende una paura (fondata) tale che magari ci rimane secco. Anche a vederlo secco, il fobico sviene. O ci rimane secco. Non per solidarietà.

Qualcuno ha la fobia degli uccelli, l'ornitofobia. Se si guarda come viene ridotta l'automobile parcheggiata per una notte sotto una zona dove si annidano i piccioni, si può anche ritenere una semplice paura, perchè fondata. Ritinteggiare la carrozzeria, con questa crisi, son problemi serissimi. Ma in linea di massima gli uccelli, a meno che non si incontri un discendente di uno pterosauro, che comunque cattivissimo non sarebbe, hanno molta più paura di noi di quanta non ne abbiamo noi di loro. 

Qualcun'altro ha la scolecifobia
E in tal caso lo sfido io a prendersi una bella elmintiasi.
E' come se uno che ha la fobia per i vitelli all'improvviso iniziasse a partorire vitelli, e gli stessi continuassero a riprodurglisi nel ventre.
Senza fecondazione divertente e con gran dolore nell'espulsione.

2 commenti:

  1. D: ma che cazz..?!

    RispondiElimina
  2. Niente scurrilità nel mio blog, please.

    RispondiElimina