LE COSE CHE SCRIVO IN QUESTO BLOG SONO FRUTTO DELLA MIA FANTASIA (BACATA).
QUALSIASI RIFERIMENTO A PERSONE O FATTI REALMENTE ESISTENTI E' CAUSALE.

martedì 28 luglio 2009

La ragazza dalla Punto blu


Guidavo tutta giuliva il westfalia che mio padre mi ha prestato per andare in ferie.
Particolare non indifferente, lo guidavo a Cuneo.
Dalla mia visione privilegiata sopraelevata, sorvolavo due corsie di preselezione, una per girare a sinistra, una per andare dritto.
Io dovevo andare dritto.
Sotto di me, raminga, avanzava a pochi centimetri dal suolo una Punto blu.
Arrancava nella corsia di preselezione per girare a sinistra.
Allora io mi sono affiancata a lei, nella corsia di preselezione per andare dritto.
Ma la Punto blu ha iniziato a divergere pericolosamente, avvicendandosi minacciosa alla fiancata sinistra del (non) mio mezzo (che speravo di conservare intero a dispetto del nome).
Dentro la Punto blu, non so come, ho visto una ragazza con gli occhiali e i cqpelli castani legati, che, dopo aver sterzato proprio all'ultimo istante, conscia della sua guida tipicamente cuneese, mi ha osservata con orrore misto a terrore attraverso le lenti.

Io, rassicurata dal mancato speronamento, ho continuato la mia strada a una velocità ultracunese.

La Punto blu è sparita all'orizzonte nel mio specchietto retrovisore.

Ho fatto una commissione, poi ero cosi' addormentata che ho pensato di andare all'Ipercoop a comprarmi una Redbull senza zucchero.
Mentre prendevo la rotonda per andare all'Ipercoop, ho visto due occhi sbarrati attraverso due lenti d'occhiale, e, tutt'intorno, c'era la Punto blu. La tipa della Punto blu stava prendendo anche lei la rotonda dell'Ipercoop.
L'ho lasciata passare, ché poi lei avrebbe rischiato di prendersi un infarto e io di prendermi la sua Punto blu nella fiancata.

Sono entrata all'Ipercoop, ho fatto un bel giro, ho incontrato uno che conosco, ho chiacchierato, e tutte le cose che si fanno all'Ipercoop, il che mi ha richiesto una bella ora.
Poi, ho fatto mezz'ora di coda alle casse, dietro carrelli stipati di pacchi pacchetti e pacchettini, con la mia lattina.
Poi, ho pagato alla cassa.
E la cassiera chi era?

La tipa della Punto blu.

2 commenti:

  1. Un giallo dal finale imprevisto. molto carina la storia.

    RispondiElimina