LE COSE CHE SCRIVO IN QUESTO BLOG SONO FRUTTO DELLA MIA FANTASIA (BACATA).
QUALSIASI RIFERIMENTO A PERSONE O FATTI REALMENTE ESISTENTI E' CAUSALE.

venerdì 5 dicembre 2008

Nemmeno il destino

Mina cantava: nessuno, ti giuro, nessuno, nemmeno il destino ci può separare...
E in questo film? Cosa non può fare il destino?


Quando ho iniziato a vederlo, non lo sapevo.

Ne ho visto un pezzo, diciamo una mezz'oretta, tre quarti d'ora, e poi mi sono detta: "Mazzate oh, che bel film" e anche "Vediamo un po' chi è sto Daniele Gaglianone".

Ero così contenta che sono andata su Facebook e ho cercato "Daniele Gaglianone", per vedere quanti fan club ha, quante persone hanno costruito la sua identità finta ( se si pensa che Del Piero ha più di cento risultati e Rocco Siffredi 489..), e invece niente. Non solo il suo nome, seppur correttamente inserito nella ricerca, è surclassato da Gagliano Carmelo Daniele, Daniele Gagliano e Daniele Guaglianone, ma è pure un anonimo risultato isolato senza la foto. Io ci ho provato lo stesso, a farmelo amico, dato che fan del fan club non potevo diventare per inesistenza dello stesso. Ora vedremo.

Ma il nocciolo mica è qui. Il nocciolo è che, oltre a dirmi "Mazzate oh, che bel film" e "Vediamo un po' chi è sto Daniele Gaglianone", mi sono anche detta "Cerchiamo il film su uno di quei siti tipo Mymovies e allegra combriccola.

Non l'avessi mai fatto.

Soprattutto non l'avessi mai fatto dopo aver visto solo mezz'ora-tre quarti d'ora di questo film che mi piaceva una cifra.

Infatti, ho subito scoperto cosa non può fare il destino, in modo minuzioso minuzioso che più minuzioso non si può. In quelle presentazioni c'è scritto TUTTO sul film, ma proprio tutto quello che succede, e come succede, fino all'ultimo minuto.

Il mio consiglio è: guardatevi sto film senza leggere nessuna recensione, ma, se proprio volete leggerne una, cliccate sulla locandina qui sopra, ché almeno lì non è riassunto il film.

7 commenti:

  1. Che film triiiisteeeee..

    "le battaglie non si vincono mai. non le si combattono nemmeno.L'uomo scopre,sul campo, solo la sua follia e disperazione, e la vittoria è un'illusione dei filosofi e degli stolti"
    Faulkner-l'urlo e il furore

    ..già,ma se è così anche la sconfitta è un'illusione.
    E le guerre..quelle invece si vincono?

    RispondiElimina
  2. Eccerto! Come faccio a commentare una cosa che non ho visto?!
    Tzè...sti blogger diffidenti!;)

    Per curiosità mi sono anche letto la trama del libro di Faulkner, per capire il contesto della frase sopra citata nel film. E ci sono varie analogie con la trama del film stesso

    RispondiElimina
  3. Pensa che l'autore, ben preso dal film, ha cambiato la location...c'è scritto nella recensione!

    RispondiElimina
  4. A me è piaciuto tantissimo!!!
    Mi piacciono i dialoghi, straordinariamente credibili, anche quelli dell'adolescenza (ed è veramente difficile!)... mi piacciono gli attori, tutti bravissimi, alcuni impressionanti... mi piace la fotografia, i primi piani strettissimi e tagliati a metà su volti intensissimi... mi piace la musica, mi piace tutto di questo film. Anche il fatto che non ci siano sconti alla tristezza, come purtroppo spesso accade nella vita.

    Io non leggo mai le recensioni PRIMA più che altro per non farmi influenzare, anche perché spesso i critici per motivi vari (non ultimi quelli politici) scrivono maree di cazzate! Di questo film alcune recensioni dicono che l'uso del flashback è eccessivo e appesantisce il film. Non mi pare. Che gli sbalzi di trama o le inquadrature virate mettono in discussione la plausibilità (!) del film. Non sono d'accordo. Che c'è una spaccatura tra la prima e la seconda parte, che sono due film attaccati assieme. Non sono d'accordo. Che lo svolgimento non è all'altezza delle grandi ambizioni. Non sono d'accordo.

    Io dico, ce ne fossero di più di film con anche solo un decimo delle qualità di questo!

    Se devo proprio trovare qualche piccolo difetto forse a conti fatti penserei proprio al titolo, e alla un po' fastidiosa canzone di Mina canticchiata dalla mamma di Alessandro... ecco, questo forse sì, non serve. E al fatto che le macchine che si vedono per le strade sono quelle di quando è stato girato il film, nel 2004, mentre la storia si capisce essere ambientata almeno 10-15 anni prima. E' una cazzata, lo so, ma l'ho notata per tutto il film! (Ma io sono un po' malato su questo). Anche Adele è troppo vecchia per essere stata ragazza madre: contando che Alessandro avrà tipo 16 anni lei dovrebbe avere 30 anni e non 50. Ma questi particolari non intaccano la bellezza del film.

    Quindi tanto di cappello a Gaglianone... e grazie a Spigoblog per la segnalazione!! :)

    RispondiElimina
  5. Che recensione ragazzi!!

    RispondiElimina